Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 24 marzo 2010

THE DILLINGER ESCAPE PLAN - Option Paralysis


Quinto disco in studio per gli statunitensi The Dillinger Escape Plan, che fanno ritorno sul mercato discografico con questo nuovo "Option Paralysis", edito per la Season Of Mist, a tre anni di distanza dal precedente "Ire Works". Musicalmente ci troviamo di fronte ad un disco molto vario, come è da sempre nello stile del gruppo. Nel senso che ai classici connotati di hardcore, troviamo anche le solite tracce di punk, mathcore, grindcore, nu metal e via discorrendo. Ci sono anche le solite tracce spiazzanti di industrial e free jazz, quindi anche "Option Paralysis" ha tutte le carte in regola per essere considerato un grande album dei The Dillinger Escape Plane. A differenza dei precedenti lavori però, la band strizza l'occhio a sonorità più commerciali, a ritornelli più accattivanti ed ipnotizzanti, senza però stravolgere quanto fatto in precedenza. C'è tanta rabbia nella loro musica, tanta grinta infarcita da una moltitudine di aggressività, ma anche una forte dose di melodia, cosa che rende questo album davvero molto interessante e perché no, anche affascinante. Siamo di fronte ad un disco che può consentire al gruppo statunitense di arrivare ad un pubblico più vasto, perché è senza dubbio più accessibile, ma se non si è ben preparati al suo ascolto, anche "Option Paralysis" sarà molto difficile da digerire. Ottima la produzione, un aspetto che consente al disco di suonare in modo molto moderno ed assolutamenente all'avanguardia. Siamo di fronte a brani compatti, ma anche versatili ed a volte variopinti, ma sempre e comunque dotati di un impatto dalla portata notevole. I fans della band resteranno folgorati da questo disco e lo apprezzeranno fino in fondo dalla prima all'ultima nota, ma i The Dillinger Escape Plan hanno pensato a tutto e probabilmente "Option Paralysis" gli consentirà di ampliare in modo notevole i propri orizzonti oltre che come precedentemente anticipato, il numero di sostenitori.

Voto: 7,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento