Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 24 marzo 2010

DEMONICA - Demonstrous


I Demonica sono la nuova band del mitico Hank Shermann, storica ascia dei Force Of Evil, ma soprattutto dei grandissimi Mercyful Fate. Fondata solo due anni fa, la band danese fa il proprio esordio sul mercato discografico con questo "Demostrous", album edito per la mastodontica Massacre Records. Musicalmente i Demonica assestano le proprie radici in un thrash metal molto incline a quello della scena della Bay Area, anche se in più d'un frangente, siamo di fronte ad un progetto che clona quasi completamente gli Slayer. Non stiamo scherzando assolutamente. La voce di Klaus Hyr (Battalion), è praticamente identica a quella di Tom Araya, mentre la chitarra di Hank Shermann si è tramutata quasi completamente in quella di Kerry King, anche se il tocco tipico dei Mercyful Fate viene alla luce in moltissimi momenti, a prescindere dal genere nettamente diverso. Un esempio palese? Ascoltate "Ghost Hunt" ed ecco che sembra che gli Slayer stiano suonando un classico dei Mercyful Fate nel loro stile. Questo solo per dire che siamo di fronte ad un grandissimo disco, ben composto, ma soprattutto ben suonato ed in questo emerge la classe e la potenza tecnica di un Hank Shermann in forma smagliante, che non ha perso la sua magia con il plettro in mano. "Demonstrous" è quindi un grandissimo disco, perché contiene dei grandissimi brani, compatti, potenti, di grande impatto e soprattutto dalla portata disarmante. Brani estasianti, che ti lasciano praticamente a bocca aperta per la propria immensità. E che dire della sezione ritmica, Mark Hernandez (Heathen, Defiance) alla batteria, picchia duro senza sosta, come un rullo compressore inarrestabile, ricordiando il miglior Dave Lombardo. Ottima anche la produzione, moderna ed attuale, tagliente ed incisiva. C'è altro d'aggiungere? Francamente no, perché quando si descrive un grandissimo disco come questo, puoi stare ore ed ore a scrivere fiumi di parole, o limitarti ad esprimere l'essenziale, perché a conti fatti la sostanza non cambia. "Demonstrous" è un grande disco davvero, fatelo vostro, perché non potrete vivere senza.

Voto: 8,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento