Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 25 marzo 2010

AUTUMN HOUR - Dethroned


Gli Autum Hour vengono dagli Stati Uniti e sono formati da alcune vecchie conoscenze del metallo americano, ovvero il cantante Alan Tecchio (Hades), il bassista Clint Arent ed il batterista Dave Lescinsky, tutti conosciuti per il proprio passato con i Seven Witches dell'ex Savatage Jack Frost, che coadiuvati dal chitarrista Justin Jurman hanno messo in piedi la suddetta band. A due anni dalla nascita degli Autum Hour, ecco giungere sul mercato discografico il loro disco d'esordio "Dethroned". Musicalmente siamo nel campo del progressive metal, con una forte somiglianza con i Symphony X di Romeo ed Allen, ma sempre attinenente con le prime cose degli immancabili Dream Theater, in particolar modo con "Awake". Oltre a queste influenze, c'è anche molto dei Mastermind, altra band che ha molto in comune con gli Autumn Hour. Questo però non vuol dire che Alan Tecchio e compagni non abbiamo una loro personalità, tutt'altro invece. "Dethroned" è un buon disco, è ben composto ed è egregiamente strutturato, sul piano tecnico è incontestabile, il difetto è che manca nell'intensità e forse anche nell'ispirazione. Questo capita con prodotti di questo tipo, specialmente quando si punta su trame complesse e molto articolate. Diciamo che questo è un buon disco se visto nel complesso, ma manca di coinvolgimento. La produzione è buona, il suono è pulito ed è molto tagliente, ma soprattutto, la band punta su sonorità ruvide e robuste, facendo dell'aggressività e dell'energia il proprio punto di forza. I brani sono compatti, ma poco fluidi e dinamici, ma comunque appetibili nonostante, come sopraccitato, ogni canzone sia caratterizzata da una complessità di fondo. Dischi come questo conseguentemente, sono lavori che spezzano in due la critica, o si amano, oppure si odiano. Il valore oggettivo c'è, visto anche lo spessore dei musicisti coinvolti, quindi noi in un certo senso ci mettiamo nel mezzo. Disco esclusivamente consigliato agli amanti di queste sonorità.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento