Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

martedì 23 marzo 2010

ANTARES PREDATOR - Il Crepuscolo dell'Apocalisse


Intervista ai norvegesi Antares Predator, ci risponde il chitarrista del gruppo Øyvind "Warach" Winther:

Come descriveresti in termini musicali il vostro nuovo album? Vuoi introdurlo?

-"The Twilight of the Apocalypse" è un disco molto moderna di thrash metal con influenze pesanti di death e black metal, per quanto il suono è molto interessante. Ci sono alcune parti orchestrate e si davvere godere del suono migliore, con archi e cori. E 'certamente un album aggressivo, disarmonico, a volte, ma anche con alcune linee melodiche epiche. Direi che si tratta di un album con riff di chitarra e con canzoni che spaziano dal ritmo molto basso come su "Sacrament" a brani iper estremi come in "Mark 13". Ci piace mescolare generi diversi ed esplorare la musica, ma il suono di questo album è sempre radicato nel regno del Thrash / Death Metal.

Quanto tempo è servito per registrarlo?

-Il processo di registrazione è stata fatto in tre parti: in primo luogo abbiamo fatto tutte le chitarre ad Oslo e sono serviti circa quattordici giorni di lavoro. Abbiamo passato un sacco di tempo per fare questo e ci siamo presi tutto il tempo possibile per una questione di precisione, l'audio è molto importante per noi Antares Predator. Successivamente ci siamo recati nello studio Kohlekeller in Germania, venti minuti d'auto dall'aeroporto di Francoforte e siamo stati tre giorni per la registrazione della batteria. Tornati in Norvegia ancora una volta, abbiamo passato circa sette giorni per le registrazioni delle linee vocali. Gran parte dei suoni orchestrati erano già pronti nel processo di pre produzione, così abbiamo fatto solo alcune lievi rifiniture durante il mix. Abbiamo poi passato circa sette giorni per il mixing. Alcune persone hanno notato come per questo album sia servito un bel po' di tempo per finirlo, considerando l'intervallo di tempo dall'inizio fino al suo completamento. Non è stato per i lavori dell'album in sé, ma piuttosto è il completamento del processo di composizione che ha richiesto del tempo.

Quale è l'origine di una vostra canzone? Come create una canzone?

-A volte una canzone può iniziare con la scrittura dei testi. Io cerco di avere una vaga idea del ritmo della canzone. Questo rende l'aspetto ritmico dei testi più facile da lavorare subordinando la musica alle parole. Un approccio diverso è quello di iniziare a scrivere le linee melodiche da un pianoforte o dalla chitarra. Registrare quindi le linee ed iniziare a provare diversi schemi ritmici con una drum machine e iniziare ad esplorare ciò che le linee di basso possono diventare con il suono e l'atmosfera di questa idea. Altre volte parto con un riff di chitarra che viene registrato. Di solito è bello registrare il riff e lasciarlo un paio di giorni prima di ascoltarlo di nuovo e poi provare ad immaginare cosa succederà. E' affascinante vedere come questi diversi approcci influenzano il suono e la struttura delle canzoni. A volte parte dei pezzi nascono durante una prova, o quando qualcuno ha delle idee che vuole provare con noi tutti insieme.

Quali sono i temi del tuo nuovo album?

-I testi ed i concetti delle canzoni non sono direttamente collegati, ma si occupano tutti di qualche aspetto oscuro della mente umana, da prospettive diverse. E' una battaglia tra scienza e religione, di atti di rabbia e di vendetta primordiale, il punto di picco di una guerra catastrofica o il sacrificio di persone in nome degli Dei. La razza umana si è evoluta diventando il nostro peggior nemico, in questo modo il concetto lirico del disco vede la razza umana, come il crepuscolo dell'Apocalisse. Non è certamente correlata alle profezie di Nostradamus, tipo 2012 o cose simili.

Quale è il brano del nuovo album al quale ti senti più affezionato?

-Mi piace suonare "Bbq Epilogue", soprattutto a causa dei complessi schemi ritmici e per come il suono è molto vicino a ciò che volevamo. Mi piace anche la sensazione della title track, con le sue linee melodiche epica. Tutte le canzoni hanno un significato speciale per me personalmente, ci sono un numero enorme di informazioni sulla propria storia personale. E' quasi come un album di foto per me.

Quali sono le band che hanno influenzato il vostro sound di più?

-E' difficile dire quali sono le tue influenze, quindi credo che le band che abbiamo ascoltato nel corso degli anni hanno avuto un determinato impatto. I Pantera e Dimebag in particolare, sono stati una grande influenza per me personalmente, per quanto riguarda la tecnica della chitarra. I Bathory sono stati sempre importanti con le linee melodiche epiche e le atmosfere brillanti. Abbiamo anche fatto una cover di Bathory "Call From The Grave" era destinata ad essere una parte del disco, ma abbiamo deciso di toglierla alla fine. Gli Immortal hanno portato con sé una sorta di groovy nel black metal ed io sono molto affezionato. Devin Townsend ed i Strapping Young Lad sicuramente devono essere menzionati. Oltre alle metal band, penso che dovrei parlare delle opere classiche di Beethoven, o colonne sonore come quella di Blade Runner. Anche artisti jazz come Louis Armstrong. Tutti noi ascoltiamo una vasta gamma di musica e penso che qualunque cosa ti piace ascoltare, a sua volta influenzerà il tuo suono e le tue idee che nascono lungo la strada.

Cosa ti aspetti dal nuovo album?

-E' raro che questo genere di musica si sviluppi ed abbia un seguito al di fuori della scena metal underground. Non ci aspettiamo qualcosa di significativo a livello economico, non mi aspetto di vendere CD oltre una determinata la misura. La musica sarà sempre una questione di gusto e si tratta di una attività marginale, ma facciamo musica con la speranza che piaccia alle persone. Noi certamente siamo orgogliosi del risultato.

Cosa ne pensi del music business? Come lo giudichi?

-La cosa principale che sta caratterizzando il mondo della musica oggi, è la sua rapida evoluzione, come la nuova tecnologia si sviluppa. E' incredibile quanto si può ottenere facendo un disco solo con un computer portatile in sala prove. Questo significa che ci sono di gran lunga più demo e registrazioni, più band e più musica rispetto a prima. La tecnologia permette alle persone di lavorare insieme su progetti abbastanza facili, anche se si trovano in diverse parti del pianeta. Non credo che il numero di band e di progetti sono in aumento, ma il numero di dischi certamente lo è. Le etichette avranno con il tempo un ruolo diverso ed ora è sempre possibile avere un rapporto più diretto tra una band e il suo pubblico con la distribuzione digitale, penso che un album di debutto come il nostro probabilmente sarà scaricata dal web molte più volte rispetto ai CD venduti, ma credo anche che più persone sentiranno parlare della band e dell'album rispetto a prima a causa di Internet. Comunque rende meno redditizio per un'etichetta investire denaro nella promozione di una nuova band sconosciuta, quindi sono più propensi a firmare con le band che hanno avuto un certo seguito in precedenza. Penso che il sito della Earache mostra questo e cosa è meglio da fare puntando sui moltissimi successi che la tua band ha su Myspace, ma ci vuole un accordo. Ciò significa che il numero di seguaci e la reputazione band, svolge un ruolo significativo in questo processo. Non credo che questa sia una cosa cattiva, è solo diversa e l'industria e le band devono adeguarsi a questa nuova situazione.

Quali sono le principali difficoltà per una band come la vostra?

-La band non è affatto la nostra principale fonte di reddito e lo facciamo solo perché ci piace suonare e comporre musica. Allora il problema è avere il tempo e la capacità di concentrarsi sulla band, pur avendo un lavoro normale. Io desidererei naturalmente essere in una posizione dove la musica è la principale fonte di reddito per dedicare il 100% del tempo. Pochi musicisti arrivano a qusto punto e richiede tempo ed impegno. La riproduzione di un genere marginale che in realtà non arriva alla maggior parte della gente non aiuta davvero, se nei piani c'è quello di guadagnarsi da vivere suonando metal.

C'è qualche musicista con il quale desidera collaborare un giorno?

-Sarei molto felice di avere Devin Townsend come produttore su un album degli Antares Predator. Inoltre mi piacerebbe molto lavorare con persone che abbiano background di altri generi come il jazz e la musica classica, per esplorare ulteriormente la miscelazione tra quegli stili ed il metal. Non mi piace l'idea di rimanere bloccati su un genere pieno di leggi non scritte e si suppongono e la maggior parte della musica tende oggi ad un genere ibrido.

Quali sono i programmi futuri per la band? Come volete promuovere il vostro nuovo album?

-Non eravamo sicuri di un sostegno finanziario per registrare e mixare il nostro album, abbiamo suonato con l'idea libera di promuovere noi stessi, forse solo in digitale. Dopo un po' siamo arrivati alla conclusione che sarebbe stato molto meglio trovare un'etichetta decente per lavorare con qualcuno d'esperienza e concentrarsi sulla musica. Per quanto riguarda la promozione l'album, l'etichetta si prenderà cura della maggior parte di questo lavoro attraverso i loro canali. Per quanto riguarda un tour, non saremo probabilmente in grado di fare molti concerti singoli o forse festival per il momento.

Sarà pubblicato un live CD o un DVD?

-Mi piace l'idea di fare video musicali, ma personalmente non mi piacciono i live. Credo che comunque avremmo bisogno di un paio uscite in studio ed avere una base più grande di fan prima di iniziare a prendere in considerazione un album live. Attualmente è molto più probabile vedere clip live su YouTube, ma non posso escludere nulla. Non vedo qualcosa di simile nel prossimo futuro.

Vuoi lasciare un messaggio ai nostri lettori?

-Se si desiderate contattare gli Antares Predator, per qualsiasi motivo, non esitate a farlo scrivendo poche righe su: 666@antarespredaor.com, sarete i benvenuti ed accettiamo commenti e feedback buoni o cattivi. Vorrei anche invitare le persone ad aderire alla "Out Campaign" di Richard Dawkins su www.outcampaign.org, dove gli atei si uniscono per prendere posizione contro la religione e per la promozione della scienza.

Intervista a cura di Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento