Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 24 marzo 2010

ARTILLERY – One Foot In The Grave, The Other One In The Thrash


Nati nel 1982 a Taastrup, nei sobborghi di Copenhagen in Danimarca, gli Artillery sono sempre rimasti fedeli al loro sano e puro thrash metal fortemente influenzato dalle band della Bay Area. Partendo da “Fear Of Tomorrow” del 1985, passando per il loro classico assoluto “Terror Squad” del 1987, attraversando “By Inheritance” del 1990, fino a giungere a “B.A.C.K.” del 1999, il sound degli Artillery non si è mai modificato, restando ancorato a quelle che sono le radici del genere. “One Foot In The Grave, The Other One In The Thrash” è il loro DVD dal vivo edito dalla Metal Mind Production e ritrae gli Artillery presso Spodek, Katowice, in data 8 Marzo 2008 nel Metalmania Festival, con una formazione che comprende Soren Nico Adamsen dietro il microfono, Michael e Morten Stutzer alle chitarre, Peter Thorslund al basso e Carsten N. Nielsen alla batteria. Lo show degli Artillery al Metalmania Festival 2008 è stato assolutamente impeccabile, la band danese è un autentico esempio di classe, tecnica e personalità. L’audio di questo prodotto discografico è più che egregio, stesso dicasi per le immagini, eccellenti e capaci di esaltare il look dei singoli componenti della band danese, in particolare quello del cantante Soren Nico Adamsen con la sua t-shirt raffigurante “Killers” degli Iron Maiden. Se si vuol cercare il pelo nell’uovo, spesso Michael Stutzer e compagni sembrano statici e poco dinamici, ma è praticamente impossibile non restare coinvolti dalla loro musica. Si parte con “Deeds Of Darkness”, un brano dai ritmi iniziali lenti che d’incanto esplode in un vortice di aggressività, “Into The Universe” a seguire, è un pezzo diretto e potente dove viene risaltato l’ottimo lavoro della sezione ritmica, “The Almighty” invece, coinvolge in modo efficace tutti i presenti grazie al suo stile riconducibile ai migliori lavori firmati Metallica, caratteristica palpabile anche nell’altro classico “By Inheritance”. “Cybermind” viene seguita con una rapidità d’esecuzione impressionate, “The Challenge” ricalca il tipico sound dei Testament, mentre “The Eternal War” è un componimento di grande impatto, con eccezionali virtuosismi ed eleganti spunti tecnici. “Beneath The Clay (R.I.P)” stupisce per i sincronismi perfetti sul quale si destreggiano le due chitarre, “Time Has Come” ricorda i migliori Megadeth, “At War With Scienze” e “Out Of The Sky” pongono in luce l’essenza e quelle che sono le peculiarità degli Artillery, il cui concerto raggiunge un picco elevatissimo durante l’esecuzioni delle conclusive “Khormaniac” e “Terror Squad”, dove per gli addetti alla “sicurezza” risulta pressoché difficile contenere il pubblico presente. Il DVD contiene due ricche interviste con Michael Stutzer e con Morten Stutzer coadiuvato da Carsten Nielsen, oltre ai video di “Allergic To Knowledge”, “Terror Squad”, “The Almighty” (bootlegged at “The Rock”, Copenhagen 2008) e “Missing Link – Lobotomized”. L’edizione limitata di “One Foot In The Grave, The Other One In The Thrash” contiene anche la versione in compact disc del concerto.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento