Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 25 settembre 2009

INSOMNIUM - Across the Dark


Attivi da quasi tredici anni e provenienti dalla Finlandia, gli Insomnium giungono con questo nuovo "Across The Dark" alla pubblicazione della propria quarta opera in studio, che giunge sul mercato disocgrafico a tre anni di distanza dal precedente "Above the Weeping World". Musicalmente gli Insomnium affondano le proprie radici nel death metal di stampo melodico, ricordando in modo più che evidente i migliori Dark Tranquilliti, con diverse sfumature anche degli In Flames. Diciamolo subito, "Across The Dark" è un ottimo disco, ben prodotto, ben suonato, colmo di preziosismi tecnici e dotato di brani passionali ed intensi, che si lasciano apprezzare dalla prima all'ultima nota. Passando ad analizzare l'album in modo più dettagliato, la partenza è affidata a "Equivalence", brano adagiato su una melodia particolarmente affasciante e seducente, dove esce fuori la natura oscura ed introspettiva della band, che sterza nel finale verso uno stile più energico, "Down With The Sun" a seguire, segue la scia malinconica lasciata dal brano precedente, sviluppandosi su tonalità più aggressive e ruvide, ma sempre particolamente accattivanti, "Where The Last Wave Broke" invece, è un pezzo dall'impatto immediato e dalla presa facile, dove emergono tutte le pregevoli doti tecniche della band. Con "The Harrowing Years" si spazia su sonorità ipnotizzanti ed avvolgenti, ma sempre grintose e carismatiche, impreziosite ulteriomente dagli splendidi freseggi delle chitarre, "Against The Stream" è un palese tributo ai primi In Flames, dove la band estremizza al massimo il proprio stile, mentre "Lay Of The Autumn" rimarca la componente emozionale della band, in un componimento intenso e passionale. Nella parte finale del disco, "Into The Woods" nel suo ricordare i Dark Tranquillity evidenzia l'ottima cura degli arrangiamenti e la conclusiva "Weighed Down With Sorrow" infine, si ricollega al brano d'apertura, racchiude l'essenza della band e conferma la qualità di un disco assolutamente eccellente e fortemente consigliato agli amanti di questo settore musicale.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento