Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

sabato 26 settembre 2009

ILLDISPOSED - To Those Who Walk Behind Us


Attivi dal 1991 e provenienti dalla Danimarca, per gli Illdisposed questo nuovo "To Those Who Walk Behind Us" rappresenta il non album della propria discografia che esce sul mercato discografico ad un solo anno di distanza dal precedente "The Prestige". La ricetta della band danese è pressoché la solita, saldamante ancorata d un death metal brutale quanto tecnico allo steso tempo. Il disco è ben prodotto e ben suonato, scorre fluido e gli amanti di questo settore non faranno grossa fatica ad apprezzarlo. Passando ad analizzare l'album più nel dettaglio, la partenza è affidata a "Blood On Your Parade", un pezzo dai ritmi essenzialmente armonici, dove la band non rinuncia a pungere ed aggredire attraverso la propria musica, "For The Record" a seguire, giova di un maggiore dinamismo e rimarca in modo palbabile le buone doti complessive della band, "Just Come And Get Me" vede gli Illdisposed puntare su sonorità più moderne ed all'avanguardia che però non snaturano la proria essenza ed il proprio stile, "Seeking Truth - Telling Lies" recupera uno stile più tradizionale e datato, ma sempre particolarmente efficace e dall'affetto assicurato. "Sale At The Misery Factory" è un brano più scontato, dalla presa facile e dalla facile assimilazione, "To Those Who Walk Behind Me" è in assoluto l'episodio più esremo del disco, dove la band rimarca l'ottimo contributo della sezione rimtica, differentemente "If All The World" spiazza grazie alla propria incredibile intensità mentre "My Number Is Expired" giova dell'eccellente contributo delle chitarre modulate in modo pressoché perfetto. Nella parte fianle del disco, Johnny è un muro sonoro granito ed impenetrabile, un vortiche di rabbia ed aggressività, "This Unscheduled Moment" è un'autentica dichiarazione di guerra, un massacro brutale ed incisivo, la conclusiva "Nu Gik Det Lige Så Godt" racchiude l'essenza della band, riassumendo le peculirità di un pregevole disco di death metal.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento